Linee di Investimento. Quale scegliere?

COMPARTO BILANCIATO ( 70% obbligazioni – 30% azioni)

  • Finalità della gestione: la gestione risponde alle esigenze di un soggetto che privilegia la continuità dei risultati nei singoli esercizi e accetta un’esposizione al rischio moderata.
  • Garanzia: assente
  • Orizzonte temporale: medio/lungo periodo (tra 10 e 15 anni dal pensionamento).
  • Politica di investimento:
  • Sostenibilità: il comparto non adotta una politica di investimento che promuove caratteristiche ambientali o sociali o ha come obiettivo investimenti sostenibili
  • Politica di gestione: prevede una composizione bilanciata tra titoli di debito e titoli di capitale. La componente azionaria non può essere comunque superiore al 40% ed inferiore al 20%.
  • E’ presente una componente in private equity sino al 5% del comparto con un importo massimo investibile (commitment) di € 28 milioni.
  • Strumenti finanziari: titoli di debito e altre attività di natura obbligazionaria; titoli azionari prevalentemente quotati su mercati regolamentati. Il Fondo ha consentito l’utilizzo di contratti derivati nella gestione del portafoglio unicamente nei limiti previsti per i titoli sottostanti a condizione che siano utilizzati con finalità di copertura o al fine di assicurare una efficiente gestione del portafoglio e con esclusione dell’effetto leva.
  • La componente in private equity viene investita in OICR, anche del gruppo del gestore, costituiti esclusivamente da FIA italiani di cui all’art. 1, comma 1, lettera m-ter) e lettera m-quater) del TUF, FIA UE di cui all’art. 1, comma 1, lettera m-quinquies) del TUF, ad eccezione dei FIA UE di diritto UK e/o scozzese, e FIA non UE di cui all’art. 1, comma 1, lettera m-sexies) del TUF autorizzati alla commercializzazione in Italia.
  • Categorie di emittenti e settori industriali: obbligazioni di emittenti pubblici e privati con rating tendenzialmente elevato. In conformità con le indicazioni della COVIP, comunque il Fondo non si affida in modo esclusivo o meccanico al rating per la valutazione del merito di credito degli emittenti obbligazionari, ma consente al gestore di mantenere nel portafoglio, sulla base di propri indicatori e sistemi di valutazione interni, anche titoli di debito aventi rating inferiore all’investment grade in misura comunque non eccedente il 5% del patrimonio affidato in gestione; con riferimento a questi titoli il gestore è inoltre tenuto a comunicare al Fondo pensione i principi e le valutazioni alla base della scelta e a fornire informative periodiche. Il Fondo pensione ha comunque escluso che possano essere presenti nel portafoglio titoli obbligazionari aventi rating eccessivamente basso, per cui è richiesto un rating minimo non inferiore a BB- (S&P) e Ba3 (M), al di sotto del quale la possibile presenza di elementi speculativi e di un elevato rischio di credito rendono l’investimento difficilmente compatibile con la politica di investimento adottata dal Fondo.
  • La componente in private equity è costituita da OICR, di cui almeno l’80% investono nello Spazio Economico Europeo, con focalizzazione in Italia per almeno il 25%. Il limite degli investimenti in OICR emessi dal gestore o da società appartenenti al suo gruppo non può superare il 75% del totale e gli OICR di terzi non possono superare il 75% del totale.
  • Aree geografiche di investimento: prevalentemente area OCSE; per la componente di private equity prevalentemente in società residenti nello Spazio Economico Europeo.
  • Rischio cambio: gestito attivamente.
  • Benchmark:
    45% Merrill Lynch Pan – Europe Govt 1-10 years
    15% Merrill Lynch US Treasury 1-10 years
    10% Merril Lynch Corporate Euro
    15% MSCI Europe in USD NR
    12% MSCI Daily NET TR North America
    3% MSCI Emerging Markets Daily Net TR

Il benchmark non si applica alla parte del comparto investita in private equity il cui andamento viene valutato sulla base di un parametro reddituale (cash multiple) che è dato dal rapporto tra il valore del portafoglio, aumentato delle distribuzioni effettuate e dedotte le commissioni di gestione, ed il valore complessivo delle risorse conferite al gestore.

 

COMPARTO GARANTITO (100% obbligazioni)

  • Finalità della gestione: la gestione è volta a realizzare con elevata probabilità rendimenti che siano almeno pari a quelli del TFR, in un orizzonte temporale pluriennale. La presenza di una garanzia consente di soddisfare le esigenze di un soggetto con una bassa propensione al rischio o ormai prossimo alla pensione.
  • N.B.: i flussi di TFR conferiti tacitamente sono destinati a questo comparto.
  • Garanzia: è presente una garanzia, la garanzia prevede che al momento dell’esercizio del diritto al pensionamento, la posizione individuale non potrà essere inferiore al capitale versato per effetto del meccanismo di garantito di consolidamento (al netto di eventuali anticipazioni non reintegrate o di importi riscattati). La medesima garanzia opera anche, prima del pensionamento, nei seguenti casi di riscatto della posizione individuale:
    – decesso;
    – invalidità permanente che comporti la riduzione della capacità lavorativa a meno di un terzo;
    – inoccupazione per un periodo di tempo superiore a 48 mesi.

La garanzia non opera nel caso di domanda di Rendita Integrativa Temporanea Anticipata (R.I.T.A.).

  • Orizzonte temporale: breve (fino a 5 anni dal pensionamento).
  • Politica di investimento:
  • Sostenibilità: il comparto non adotta una politica di investimento che promuove caratteristiche ambientali o sociali o ha come obiettivo investimenti sostenibili.
  • Politica di gestione: orientata verso titoli di debito di breve durata (duration 3 anni). La componente azionaria può essere comunque utilizzata in chiave tattica in misura non superiore all’8%.
  • Strumenti finanziari: titoli di debito quotati; titoli di debito non quotati, solo se emessi o garantiti da Stati o da Organismi internazionali di Paesi OCSE. Il Fondo ha escluso l’utilizzo di contratti derivati nella gestione del portafoglio, fatta eccezione per i contratti a termine su valute (forward) che vengono utilizzati nella gestione del cambio.
  • Categorie di emittenti e settori industriali: emittenti pubblici e privati con rating tendenzialmente elevato. In conformità con le indicazioni della COVIP, comunque il Fondo non si affida in modo esclusivo o meccanico al rating per la valutazione del merito di credito degli emittenti obbligazionari, ma consente al gestore di mantenere nel portafoglio, sulla base di propri indicatori e sistemi di valutazione interni, anche titoli di debito aventi rating inferiore all’investment grade in misura comunque non eccedente il 7% del patrimonio affidato in gestione (il limite è più elevato di quello previsto per gli altri due Comparti in considerazione della presenza di una garanzia da parte del gestore); con riferimento a questi titoli il gestore è inoltre tenuto a comunicare al Fondo pensione i principi e le valutazioni alla base della scelta e a fornire informative periodiche. Il Fondo pensione ha comunque escluso che possano essere presenti nel portafoglio titoli obbligazionari aventi rating eccessivamente basso (inferiore a Ba3, attribuito da Moody’s, o equivalente attribuito da Standard & Poor’s), in quanto la possibile presenza di elementi speculativi e di un elevato rischio di credito li rendono difficilmente compatibili con la politica di investimento adottata dal Fondo.
  • Aree geografiche di investimento: investimenti prevalentemente circoscritti a strumenti finanziari di emittenti dell’Unione Europea.
  • Rischio cambio: coperto.
  • Benchmark:
    50% Merrill Lynch Euro Government Bill Index
    50% JP Morgan Emu Bond IG 1-3 years

 

COMPARTO DINAMICO ( 40% obbligazioni – 60% azioni)

  • Finalità della gestione: la gestione risponde alle esigenze di un soggetto che ricerca rendimenti più elevati nel lungo periodo ed è disposto ad accettare una maggiore esposizione al rischio, con una certa discontinuità dei risultati nei singoli esercizi.
  • Garanzia: assente.
  • Orizzonte temporale: lungo periodo (oltre 15 anni dal pensionamento).
  • Politica di investimento:
  • Sostenibilità: il comparto non adotta una politica di investimento che promuove caratteristiche ambientali o sociali o ha come obiettivo investimenti sostenibili.
  • Politica di gestione: prevalentemente orientata verso titoli di natura azionaria; è prevista una componente obbligazionaria (mediamente pari al 40%).
  • Strumenti finanziari: titoli azionari prevalentemente quotati su mercati regolamentati; titoli di debito e altre attività di natura obbligazionaria, OICR. Il Fondo ha escluso l’utilizzo di contratti derivati nella gestione del portafoglio, fatta eccezione per i contratti a termine su valute (forward) che vengono utilizzati nella gestione del cambio.
  • Categorie di emittenti e settori industriali: gli investimenti in titoli di natura azionaria sono effettuati senza limiti riguardanti la capitalizzazione, la dimensione o il settore di appartenenza della società; i titoli di natura obbligazionaria sono emessi da soggetti pubblici o da privati con rating tendenzialmente elevato. In conformità con le indicazioni della COVIP, comunque il Fondo non si affida in modo esclusivo o meccanico al rating per la valutazione del merito di credito degli emittenti obbligazionari, ma consente al gestore di mantenere nel portafoglio, sulla base di propri indicatori e sistemi di valutazione interni, anche titoli di debito aventi rating inferiore all’investment grade in misura comunque non eccedente il 5% del patrimonio affidato in gestione; con riferimento a questi titoli il gestore è inoltre tenuto a comunicare al Fondo pensione i principi e le valutazioni alla base della scelta e a fornire informative periodiche. Il Fondo pensione ha comunque escluso che possano essere presenti nel portafoglio titoli obbligazionari aventi rating eccessivamente basso, per cui è richiesto un rating minimo non inferiore a BB- (S&P) e Ba3 (M), al di sotto del quale la possibile presenza di elementi speculativi e di un elevato rischio di credito rendono l’investimento difficilmente compatibile con la politica di investimento adottata dal Fondo.
  • Aree geografiche di investimento: prevalentemente area OCSE.
  • Rischio cambio: gestito attivamente.
  • Benchmark:
    30% Merrill Lynch Pan – Europe  Govt Index 1-10 years
    10% Merrill Lynch US Treasury 1-10 years
    30% MSCI Daily  TR  Europe
    25% MSCI Daily Net TR North America Euro
    5% MSCI Emerging Markets Daily Net TR Euro